Just a room.

October 20th, 2011 § 0 comments

Questa è una sala operatoria di come ce ne sono a centinaia qui.

Ho immaginato di aver bisogno di una delle operazioni “di routine” che vengono fatte…a volte più di una al giorno, a volte, spesso, quando l’elettricità salta.

Sono rimasta a chiacchierare con l’anestesista che in prevalenza ha a che fare con parti cesarei, ma anche ernie inguinali o piccole fratture..anche se non c’è un vero ortopedico.

Uno sgabello vuoto, il pavimento verde petrolio consumato, il lavandino e un foglio appeso per ricordare alcune regole di igiene. Prima di uscire scorgo una cassa di legno sotto il lettino operatorio, a far “spessore”.

Colori, luci e ambienti possono influire sulle prestazioni mediche e soprattutto sulle sensazioni del malato che dovrebbe trovare nell’ospedale un luogo confortevole e sereno.

Il blu elettrico acuisce la sensazione di dolore, il rosso agita, il verde acido spaventa.

Nonostante questo, credo che molto del mio disagio sia stato elevato e molto influenzato dalla cultura da cui provengo.

Non é facile rendere neutrale il mio, il nostro immaginario, ma é fondamentale farlo per meglio comprendere altre culture.

Tagged , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

What's this?

You are currently reading Just a room. at Francesca Guazzo.

meta